COHPUSINGUno stile di vita che nasce in Danimarca negli anni 70, consiste nel condividere i propri spazi comuni con persone che si scelgono tra loro. Tra i servizi di uso comune vi possono essere ampie cucine, lavanderie, spazi per gli ospiti, laboratori per il fai da te, spazi gioco per i bambini, palestra, piscina, internet-cafè, biblioteca e altro.

Di solito un progetto di cohousing comprende dalle 20 alle 40 famiglie che convivono come una comunità di vicinato (vicinato elettivo) e gestiscono gli spazi comuni in modo collettivo ottenendo in questo modo risparmi economici e benefici di natura ecologica e sociale.

Una scelta veramente intelligente se si pensa ai costi in termini economici ed ambientali che sosteniamo per svolgere molte attività che potrebbero essere condivise. (condividere l’automobile, condividere lavatrice, coltivare orti, gestire attività di b&b in cohusing, etc).

Senza contare il vantaggio della progettazione partecipata. Le famiglie, future abitanti, partecipano alle scelte progettuali dell’insediamento. Ciò significa un identificazione completa dell’abitante con la struttura, sia in termini architettonici che della scelta dei materiali, degli impianti, dei colori, etc.

Uno stile di vita che si basa sulle relazioni, che pone alla base la condivisione, non solo in senso pratico, ma anche sociale, che ha dentro di se una grandissima quantità di valori aggiunti importanti per la nostra vita e quella dei nostri figli. (avete mai pensato che i genitori possano alternarsi ad accompagnare i figli ai servizi non disponibili nel cohousing?).

E’ un po come ritornare alla vita dei nostri nonni, tanti dei quali vivevano nella case a corte, dove tanti spazi ed attività erano in comune, ma con la tecnologia e le comodità del XXI secolo.

Ancora, la possibilità di riunire tante persone, può rendere possibile la riconversione di interi edifici industriali dismessi, che possono essere acquistati a prezzi vantaggiosi per le committenze, che possono poi riconvertirli a proprio piacimento, “partecipando” alla progettazione con i tecnici incaricati.

Vi propongo alcuni esempi di cohousing che hanno attirato la mia attenzione, vi prego di propormene anche voi, condividendoli con me…in sintonia con lo stile del cohousing.

Esempi di cohousing nel mondo.

Sceglietevi i vostri cohouser, se non ne avete, scegliamoli insieme e realizziamo gli spazi di vita in sintonia con gli “spazi” che abbiamo dentro.

ing. Luca Palmiero


2 commenti

connie · novembre 9, 2011 alle 5:21 pm

Anche l’Italia inizia a “coabitare” http://www.ecozoom.tv/blog/ecodesign/bio-architettura/cohousing-andiamo-a-vivere-insieme-in-italia/

Connie · novembre 10, 2011 alle 9:26 am

anche l’Italia inizia a “coabitare”… http://www.ecozoom.tv/blog/ecodesign/bio-architettura/cohousing-andiamo-a-vivere-insieme-in-italia/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sostenibilità

Sostenibilità sociale ed economica – l’esperienza in Africa nel libro di Paola Basile “Irene non lo sa”

Esce "Irene non lo sa" il Libro di Paola Basile. Capita anche questo nella vita. Capita di ritrovarti in un libro. Questo post non parla delle tematiche di cui abitualmente si occupa il web-magazine, ma di un libro dal Titolo "Irene non lo sa". No non mi sono improvvisato recensore di romanzi, non ne ho ne l'aspirazione ne la competenza, volevo solo chiudere un cerchio con tutti i lettori del sito, che hanno partecipato al mio viaggio in Togo nel 2010, condividendo questo libro.

Sostenibilità

Africa 2010 – L’intervento in Commissione Ambiente e sostenibilità ambientale dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli.

Torno a parlare del progetto che ho contribuito a realizzare in Togo lo scorso agosto, per condividere alcuni inaspettati “sviluppi” che questa esperienza ha avuto e continua ad avere. Al mio ritorno, nell’aggiornare e ringraziare tutti quelli che hanno sostenuto Leggi tutto…

Sostenibilità

ambienteingegnere in Africa:”missione” compiuta.

Per quanto attiene il progetto, siamo riusciti a concludere la realizzazione dei muri perimetrali. (l'obiettivo che ci eravamo prefissi per questo campo). Mentre vi scrivo altri volontari, con la collaborazione di persone del villaggio stanno provvedendo al completamento della posa in opera dei mattoni finestrati (si vedono nell'immagine del post). Successivamente saranno eseguiti i cordoli di sommità su cui sarà appoggiata la copertura.